“Aiutami” su Opìfice

19 marzo, 2009

[Giovanni Curreli ha recensito il romanzo di Paolo Grugni Aiutami su Opìfice. Grazie.]

“Aiutami” è un romanzo che impone di schierarsi, una posizione netta e coerente che lascia poco spazio a compromessi, tentennamenti o rimpianti. Nessun compromesso per gli attivisti animalisti protagonisti di questa storia che non accettano una posizione intermedia tra uomo e animale, per loro non esiste nessuna “predestinazione” del genere umano e quindi è inevitabile la parità di diritti tra uomini e qualsiasi tipo di animale, nessun tentennamento nel portare avanti la loro azione, brutale, decisa e sensazionale, nessun rimpianto una volta portata a termine l’operazione, qualunque siano le conseguenze.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

[Nino G. D’Attis recensisce sul numero di marzo del mensile “Coolclub“, p. 47, il romanzo Le colline oscure di Enzo Fileno Carabba. Grazie.]

Lo ripeto da anni, a chiunque mi capiti a tiro: Carabba è una delle poche droghe legali da assumere regolarmente un romanzo dopo l’altro, a dosi massicce, senza timore di controindicazioni: sballo garantito al 100%. È un narratore che alla maniera di Jeff Noon sa prendere per mano il lettore per condurlo in una terra in cui la realtà e l’allucinazione si confondono. Dolcemente (almeno all’inizio), una frase via l’altra, con una musicalità tanto perfetta quanto rara, una prosa elegante e invariabilmente colorita.

Leggi il seguito di questo post »

[Ranieri Polese, in un suo breve pezzo intitolato Questa Toscana nero shocking pubblicato sul “Corriere” di oggi, ha dedicato qualche riga anche a Le colline oscure, ultimo romanzo di Enzo Fileno Carabba. Grazie.]

Fra tanti non-morti americani ci sono però anche figure e apparizioni autoctone, senza canini appuntiti ma forse più inquietanti. Abitano le convalli tra l’Imbruneta e il Chianti – Madonne in fuga, tafani assassini, creature rivestite di corazze – e si incontrano nel romanzo Le colline oscure di Enzo Fileno Carabba (Barbera Editore). Insomma, è (quasi) primavera, svegliatevi bambine, vi aspetta una Toscana nero shocking.

[Aiutami, l’ultimo romanzo di Paolo Grugni, è stato recensito su Network 54. Grazie.]

Domanda: “Che cosa non sentono? Non sentono chi?” Risposta: (ma solo per chi può sentire, in tutti i sensi): “Gli animali mentre gridano aiutami. Lo gridano in milioni ogni giorno, è un grido assordante… Lo gridano gli animali… è un grido che lacera i timpani, eppure tu non lo hai mai sentito neanche una volta…”

Per questo motivo, Ricky e gli altri animalisti del suo gruppo aspetteranno in una fredda mattina di caccia nei campi della Lombardia, l‘assessore e cacciatore Banes, proprio per potergli gridare in faccia qualcosa che lui, per interesse, ha smesso di ascoltare; proprio per potergli far risentire qualcosa di cui ha smesso di preoccuparsi.

Leggi il seguito di questo post »